Comunicati


IL TAVOLO ANIMALI & AMBIENTE - Dal successo della campagna NO ZOO alle prossime battaglie. - Il Tavolo Animali & Ambiente è formato dalle associazioni animaliste e ambientaliste ENPA, LAC, LAV, LEGAMBIENTE L’Aquilone, LIDA, OIPA, PRO NATURA, SOS Gaia. Il sodalizio tra queste associazioni è nato in occasione della Campagna No Zoo, nata nel gennaio 2017 e protrattasi tutto l’anno fino alla vittoria che è avvenuta nel dicembre dello stesso anno. Le nove associazioni avevano dato vita al Comitato “No agli ZOO” contro la riapertura dello zoo di Torino, e dopo la vittoria della campagna hanno deciso di continuare la proficua collaborazione istituendo il Tavolo Animali & Ambiente. Il lavoro comune, svolto in armonia e sempre nell'interesse della causa, ha prodotto un risultato che nessuno si aspettava e per questo motivo abbiamo deciso di continuare a lavorare congiuntamente. Allo scopo di cooperare alla tutela degli animali e dell’ambiente il Tavolo ha intrapreso un dialogo costruttivo con la Città Metropolitana di Torino e con la Regione Piemonte. I temi sono tanti, dal piano di contenimento dei cinghiali e delle nutrie, alla caccia e alla tutela dell’ambiente. Continueremo a lavorare insieme nelle mille battaglie che vanno nella direzione del rispetto per la natura e per i suoi abitanti, a qualunque specie essi appartengano.


COMUNICATO STAMPA

Organi di informazione
Loro sedi
Torino, 29 marzo 2022

 

EPIDEMIA DI PESTE SUINA IN PIEMONTE
L’ordinanza del Presidente Cirio non servirà a risolvere
la situazione e creerà ulteriori danni

Il Tavolo Animali & Ambiente, costituito dalle associazioni ENPA, LAV, LEGAMBIENTE, LIDA, LIPU, OIPA, PAN, PRO NATURA e SOS GAIA esprime il suo dissenso sulle misure decise dalla Regione Piemonte in merito alla peste suina.
L’Ordinanza emessa dal Presidente Alberto Cirio per contrastare l’epidemia di peste suina recentemente registrata al confine tra Piemonte e Liguria, contiene numerosi provvedimenti palesemente in contrasto con le vigenti disposizioni di legge: ad esempio consente spari in orario notturno e in prossimità delle abitazioni. Ma non solo: determinerà conseguenze di particolare gravità, tra cui, ad esempio, un abnorme incremento della filiera clandestina della carne di cinghiale, danni agli ambienti naturali in un periodo delicatissimo (nidificazione degli uccelli e più in generale riproduzione di quasi tutte le specie selvatiche), senza risolvere nulla.
Gli animali selvatici, soprattutto gli uccelli, spaventati dagli spari notturni, fuggiranno dai loro ricoveri e andranno incontro a probabile morte in pieno periodo riproduttivo. Uscire di notte nelle aree agricole e naturali sarà pericoloso anche per gli esseri umani.
Dure critiche arrivano anche da ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), massimo organo scientifico di settore, per l’autorizzazione che la Regione concede all’uso dei cani e per la mancanza di risultati dell’attività venatoria e di controllo realizzata nel periodo 2021-22.
A certificare il fallimento è addirittura lo stesso assessore Protopapa, il quale, come riportato dal Giornale7 di Alessandria, ha ammesso la mancanza di personale istituzionale e volontario per realizzare quel “depopolamento” dei cinghiali finalizzato all’eradicazione del virus della PSA che ha colpito i cinghiali in Piemonte e Liguria e che rischia di diffondersi agli allevamenti di suini domestici.
“In Repubblica Ceca” ha affermato Protopapa, “i cacciatori e i volontari per l’emergenza PSA erano stati pagati”.
Che i cacciatori non abbiano alcun interesse a vedere ridotto il numero di cinghiali presenti sul territorio è ormai noto a tutti. Pensare addirittura di pagarli per rimediare ai danni da loro stessi causati è perlomeno inopportuno e sfiora il ridicolo!
Il Decreto n. 15 del 15 marzo 2022 del Presidente della Giunta Regionale prevede:
- Caccia di selezione al cinghiale in orario notturno, con l’utilizzo di visori notturni e termocamere;
- Spari da altane poste a anche a 50 metri da centri abitati e zone dove è vietata la caccia (la legge regionale n. 5/2018 stabilisce la distanza minima in m 300);
- Accesso ad Ambiti di Caccia e Comprensori Alpini (ATC e CA) anche a cacciatori originariamente non ammessi ai sensi della Legge Regionale n. 5/2018;
- Cessione gratuita degli animali abbattuti nelle zone non infette agli abbattitori e agli agricoltori senza alcun bando pubblico, incrementando così il mercato clandestino della carne;
- Spari dagli automezzi, attività che per la caccia è vietata e penalmente perseguita dalla legge nazionale n. 157/1992;
- Devastanti attività di controllo anche nella Rete Natura 2000 (SIC/ZSC/ZPS) e nelle oasi di protezione, con enormi danni agli ambienti naturali
- Caccia con foraggiamento attrattivo, vietato dalla L. 157/1992 e penalmente sanzionato;
- Uso di “cani da scaccio”: trattasi di braccate e battute mascherate con limitazione all’uso dei cani in numero massimo di tre. Azioni, queste, che ISPRA condanna con parole chiare: “Gli interventi di allontanamento/scaccio coi cani appaiono, infatti, del tutto inefficaci ai fini della riduzione dei rischi di impatti poiché non eliminano la fonte del problema ma, più semplicemente, la delocalizzano. Inoltre, la durata degli effetti di simili interventi non è quantificabile e - mantenendo gli animali sul territorio - la successiva ricomparsa del fenomeno, anche nel breve periodo, appare probabile. Infine, tali interventi possono servire per sostenere in modo scorretto la pratica venatoria. Lo scaccio coi cani non appare uno strumento necessario né efficace, considerata l’attuale situazione epidemiologia e le finalità istitutive delle aree protette in cui se ne prevede il ricorso”
Naturalmente interventi ecologici e strategie a lungo termine volte a ridurre e contenere la diffusione della specie non vengono presi in considerazione nemmeno in via sperimentale. Gli animali abbattuti, certamente assai meno dei 38.200 previsti, saranno presto sostituiti da nuovi soggetti, forse anche di provenienza foranea, e il problema della diffusione del virus, invece di ridursi, si allargherà. Di questi tempi, poi, gli spari notturni colpiscono anche la sensibilità e la tranquillità delle persone. Non era il caso.
Pertanto il Tavolo Animali & Ambiente manifesta la sua decisa contrarietà alle misure adottate dalla Regione Piemonte.


 Per il Tavolo Animali & Ambiente:
Roberto Piana
PAN – Pro Natura Animali

 Scarica in PDF

 

Per scaricare i Comunicati
in PDF

- 29 marzo 2022 - EPIDEMIA DI PESTE SUINA IN PIEMONTE

- 10 marzo 2022 - NEMMENO LA PESTE SUINA AFRICANA FERMA LE FRENESIE VENATORIE

- 14 gennaio 2022 - PESTE SUINA: È LA CACCIA LA VERA RESPONSABILE

- 13 gennaio 2022 - PESTE SUINA: COLPA DEGLI AMBIENTALISTI?

- 28 dicembre 2021 - ACCORDO STORICO TRA ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE E ANIMALISTE CON GLI AGRICOLTORI

- 11 dicembre 2021 - LA LOMBARDIA ESPORTA L'UCCELLAGIONE IN PIEMONTE

- 6 dicembre 2021 - L’ALLEVAMENTO DEI CINGHIALI ALLO STATO BRADO A SPESE DEI COLTIVATORI

- 22 novembre 2021 - PIEMONTE, SI AMPLIANO LE POSSIBILITÀ DI FARE ELISKI CON GRAVI CONSEGUENZE PER L’AMBIENTE E LA FAUNA SELVATICA

- 17 novembre 2021 - SI AVVICINANO LE FESTIVITÀ NATALIZIE E DI FINE ANNO ED IN CITTÀ RISUONERANNO I BOTTI !!!

- 20 settembre 2021 - APRE LO “SPORTELLO ANIMALI & AMBIENTE”

- 16 settembre 2021 - IL TAVOLO ANIMALI & AMBIENTE HA INCONTRATO I CANDIDATI alla carica di Sindaco della Città di Torino

- 15 settembre 2021 - CACCIA: INIZIA UNA STAGIONE ALL’INSEGNA DEL “LIBERA TUTTI”

- 13 settembre 2021 - CONFERENZA STAMPA "LA CITTA’ CHE SOGNIAMO"

- 2 agosto 2021 - LA CITTA’ CHE SOGNIAMO

- 14 giugno 2021 - LA DIFFIDA DELLE ASSOCIAZIONI IN DIFESA DI ALLODOLA E TORTORA

- 11 maggio 2021 - CINGHIALI: UNO STERMINIO INUTILE

- 19 marzo 2021 - IL LUPO, LA VERITÀ OLTRE LE PAURE

- 6 marzo 2021 - BASTA GRIDARE “AL LUPO AL LUPO”!

- 12 febbraio 2021 - ALBERI ABBATTUTI A MONCALIERI. PROTESTANO GLI AMBIENTALISTI

- 11 febbraio 2021 - LA CACCIA “ATTIVITÀ NECESSARIA”?

- 31 gennaio 2021 - Il CONSIGLIO DI STATO AUTORIZZA LA SPERIMENTAZIONE SUI MACACHI

- 4 dicembre 2020 - SI AVVICINANO LE FESTIVITÀ NATALIZIE E DI FINE ANNO ED IN CITTÀ RISUONERANNO I BOTTI !!!

- 28 novembre 2020 - UCCIDE UN CINGHIALE VICINO ALLE ABITAZIONI E FUGGE

- 13 novembre 2020 - IN PIENA EMERGENZA SANITARIA LA GIUNTA REGIONALE CHIEDE LA RIAPERTURA DELLA CACCIA

- 27 ottobre 2020 - LETTERA APERTA AL PRESIDENTE DELLA REGIONE PIEMONTE

- 19 ottobre 2020 - CACCIA : LO STERMINIO CONTINUA NELL’ILLEGALITA’

- 10 ottobre 2020 - SOSPESA PER LA SECONDA VOLTA LA SPERIMENTAZIONE SUI MACACHI!

- 9 ottobre 2020 - PARCO MICHELOTTI: PERCHE’ RICORDARE LA SOFFERENZA?

- 5 ottobre 2020 - CACCIA: L’ILLEGALITÀ CONTINUA IMPERTERRITA

- 19 settembre 2020 - CACCIA: DOMENICA INIZIA LA STRAGE DI FAUNA SELVATICA

- 28 luglio 2020 - CACCIA: LA REGIONE LIBERALIZZA PER I CACCIATORI LE STRADE INTERDETTE PER RAGIONI AMBIENTALI

- 1° luglio 2020 - IL CONSIGLIO REGIONALE DEL PIEMONTE APPROVA L’ALLARGAMENTO DELL’ATTIVITÀ VENATORIA

- 20 giugno 2020 - CHE MALE FANNO? COLORANO IL CIELO

- 17 giugno 2020 - CINGHIALE, E’ ORA DI CAMBIARE

- 15 giugno 2020 - BRUNO BOZZETTO SOSTIENE LA BATTAGLIA CONTRO LA LIBERALIZZAZIONE DELLA CACCIA IN PIEMONTE

- 15 giugno 2020 - NO ALLA LIBERALIZZAZIONE DELLA CACCIA IN PIEMONTE

- 4 giugno 2020
MACACHI TORINO: LA BATTAGLIA CONTINUA

- 27 maggio 2020
CACCIA: LA REGIONE PIEMONTE CONDANNATA DAL TAR

- 6 maggio 2020
UN ASSESSORE E UNA GIUNTA CONTRO LA FAUNA SELVATICA

- 5 aprile 2020
GLI ANIMALI DOMESTICI NON DIFFONDONO IL CORONAVIRUS!

- 6 marzo 2020
19 ASSOCIAZIONI CONTRO LA STRAGE DEGLI UCCELLI

- 6 marzo 2020
FERMIAMO LA STRAGE DEGLI UCCELLI 1.000 FIRME IN UN SOLO GIORNO

- 2 marzo 2020
CACCIA RITORNO AL MEDIOEVO

- 19 febbraio 2020
NO ALLA SPERIMENTAZIONE ANIMALE

- 24 gennaio 2020
SOSPESA LA SPERIMENTAZIONE SUI MACACHI!

- 4 gennaio 2020
2020 BENESSERE ANIMALI E TUTELA AMBIENTE

- 18 ottobre 2019
CACCIA: PARZIALMENTE SOSPESO IL CALENDARIO VENATORIO PIEMONTESE 2019/2020

- 6 agosto 2019
PIEMONTE: DIVIETO DI CACCIA SUI FONDI PRIVATI

- 27 giugno 2019
NO ALLA SPERIMENTAZIONE SUI MACACHI

- 21 maggio 2019
IL PIEMONTE CHE SOGNIAMO INCONTRI CON I CANDIDATI

- 22 marzo 2019
ELEZIONI REGIONALI 2019: APRE LO “SPORTELLO ANIMALI & AMBIENTE”

- 11 marzo 2019
ELEZIONI REGIONALI 2019: ANIMALI E AMBIENTE ALL’ULTIMO POSTO?

- 18 febbraio 2019
PROTESTA DELLE ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE CONTRO IL CONVEGNO DEGLI AGRICOLTORI

- 8 febbraio 2019
STOP AL CONTROLLO CRUENTO DEL CINGHIALE

- 21 gennaio 2019
CORTE COSTITUZIONALE RIDOTTE SPECIE CACCIABILI

- 18 dicembre 2018
CONTINUA LO STOP DEL CONTROLLO CRUENTO DEL CINGHIALE

- 21 novembre 2018
ANIMALI E AMBIENTE: ULTIMATUM ALLA POLITICA

- 14 novembre 2018
IL PIEMONTE CHE SOGNIAMO

- 6 ottobre 2018
SOSPESI GLI ABBATTIMENTI DEI CINGHIALI

- 13 giugno 2018
NUOVA LEGGE SULLA CACCIA

- 6 giugno 2018
DIVIETO DI CACCIA LA DOMENICA

- 25 maggio 2018
NO ALLA CACCIA LA DOMENICA consegna delle firme

- 14 febbraio 2018
CONTROLLO DEI CINGHIALI impugnato al TAR

- 15 dicembre 2017
NON CI SARA UNO ZOO A TORINO

- 24 novembre 2017
PRESIDIO NO CACCIA

- 19 novembre 2017
LA REGIONE PIEMONTE HA RIAPERTO ANZITEMPO LA CACCIA

- 1 novembre 2017
SICCITA E INCENDI SOSPESA ATTIVITA VENATORIA

- 27 ottobre 2017
SICCITA E INCENDI STERMINIO FAUNA SELVATICA

- 14 ottobre 2017
PRESIDIO NO ZOO IN PIAZZA GRAN MADRE

- 28 maggio 2017
PIU DI 2000 PERSONE ALLA MANIFESTAZIONE NO ALLO ZOO

- 17 maggio 2017
DIRITTO DI TRIBUNA NO ALLO ZOO

- 5 maggio 2017
2017-05-05-MESE DEL NO ALLO ZOO

- 21 marzo 2017
Manifestazione nazionale NO ZOO a Torino